• DIOCESI di ADRIA - ROVIGO
  • DIOCESI di ADRIA - ROVIGO
  • DIOCESI di ADRIA - ROVIGO
  • DIOCESI di ADRIA - ROVIGO
  • DIOCESI di ADRIA - ROVIGO
  • DIOCESI di ADRIA - ROVIGO
 

DIOCESI di ADRIA-ROVIGO

  • Full Screen
  • Wide Screen
  • Narrow Screen
  • Increase font size
  • Default font size
  • Decrease font size

Giornata Mondiale dei Poveri: 19 novembre 2017

E-mail Stampa PDF

Alle Sorelle e ai Fratelli della Chiesa di Adria-Rovigo

Carissimi,
con queste righe desidero invitarvi a raccogliere l’invito, fatto da Papa Francesco a conclusione del Giubileo straordinario della misericordia, di celebrare domenica 19 novembre la prima “Giornata Mondiale dei Poveri”.
Non si tratta di un’altra domenica dedicata a raccogliere offerte e altri aiuti per i poveri. L’intenzione di Papa Francesco è più radicale: spingerci a incontrare i poveri che sono tra noi per verificare l’autenticità evangelica della nostra vita cristiana. Dare qualcosa a chi è povero è azione lodevole, ma può rimanere un gesto che non ci tocca e lascia inalterata la nostra vita. L’incontro con il povero invece ci costringe a interrogarci su ciò che vale veramente nella vita: «la povertà è anzitutto una vocazione a seguire Gesù povero. È un cammino dietro a Lui e con Lui, un cammino che conduce alla beatitudine del Regno dei cieli (cfr Mt 5,3; Lc 6,20)» (Papa Francesco, Messaggio per la 1° Giornata Mondiale dei Poveri).
I poveri sono tra noi, non occorre che andiamo lontano per trovarli. Vi sono molte forme di povertà: la povertà infatti non è solo economica. Così ad esempio è povertà la situazione di molti anziani che vivono soli e non possono contare sulla vicinanza di familiari o parenti. E’ la povertà dei giovani, che non riescono a trovare un lavoro e nonostante gli anni che passano si trovano a dipendere dalla famiglia di origine. E’ la povertà dei coniugi separati che dopo il fallimento del matrimonio devono ritrovare una prospettiva positiva di vita. Sono solo alcuni esempi, ma tutti ne conosciamo molti altri.
Mi accorgo, quando mi fermo ad ascoltare un povero, che questo incontro cambia la mia prospettiva: chi vive in condizioni di povertà mi costringe a cambiare le mie priorità, a diventare più umile e a confidare di più nell’aiuto di Dio. Per questo la giornata voluta da papa Francesco è un’occasione preziosa da non perdere. Le comunità parrocchiali sono state invitate a porre dei gesti che richiamino tutti ad andare incontro ai poveri, ma accanto a questa dimensione comunitaria sarà indispensabile anche un momento personale di riflessione e di conversione. Sarebbe bello che ogni cristiano in questa settimana si preparasse a vivere la giornata di domenica 19 individuando una situazione di povertà da avvicinare e a cui portare un segno di condivisione e di attenzione.
Personalmente ho deciso di fare visita sabato 18 alla sera alla mensa dei Frati Cappuccini di Rovigo, trascorrendo la serata con i presenti.
    +Pierantonio - Vescovo   

Tu sei qui: Consultorio