• DIOCESI di ADRIA - ROVIGO
  • DIOCESI di ADRIA - ROVIGO
  • DIOCESI di ADRIA - ROVIGO
  • DIOCESI di ADRIA - ROVIGO
  • DIOCESI di ADRIA - ROVIGO
  • DIOCESI di ADRIA - ROVIGO
 

DIOCESI di ADRIA-ROVIGO

  • Full Screen
  • Wide Screen
  • Narrow Screen
  • Increase font size
  • Default font size
  • Decrease font size

MESSAGGIO DI NATALE ALLA SOCIETÀ CIVILE

E-mail Stampa PDF

Nei giorni scorsi è stato pubblicato il Rapporto CENSIS 2017, l’annuale ricerca che “fotografa” il nostro Paese, registrando le linee di tendenza della società italiana. Quest’anno i ricercatori del CENSIS per descrivere lo stato d’animo prevalente degli italiani hanno fatto ricorso alla categoria del “rancore”. Gli italiani infatti appaiono preoccupati del loro futuro e impauriti per i cambiamenti con cui devono confrontarsi, primo fra tutti l’immigrazione. Il nostro è un Paese incapace di guardare al futuro e che appare ancora legato a vecchi miti superati, più attento al soddisfacimento di obiettivi individuali che impegnato a realizzare lo sviluppo della società.
Questo rancore è sintomo di una malattia non solo individuale, ma anche sociale. Papa Francesco ha parlato recentemente della nostra preferenza per il risentimento, e il rancore, osservando che noi «cuciniamo i nostri sentimenti in quel brodo, il brodo del risentimento. In quelle situazioni l’uomo ha un cuore amaro, come se dicesse: “Il mio tesoro è la mia amarezza: lì sono io, con la mia amarezza”».
Vedere solo ciò che ci manca, ci impedisce infatti di godere di quanto abbiamo. Come sarebbe diversa la nostra vita solo se sapessimo avere uno sguardo capace di nutrire gratitudine per tutto ciò che siamo e che abbiamo.
Il messaggio del Natale è proprio questo: cambiare la nostra vita passando dal risentimento e dal rancore alla gratitudine. E’ l’invito che ci rivolge il Bambino dei nostri presepi: sorridere alla vita! Sant’Antonio in un Sermone di Natale descrive Gesù come il sorriso che Dio ha dato a Maria, perché da Lei è nato il nostro sorriso:

«Sorridiamo dunque ed esultiamo insieme con la Beata Vergine, perché Dio le ha dato il sorriso, cioè il motivo di sorridere e di gioire con Lei e in Lei: “Oggi vi è nato il Salvatore”».

Auguro a tutti in questo Natale di poter sorridere alla vita, anche in mezzo alle fatiche e alle sofferenze che ognuno si trova ad affrontare.

+Pierantonio Pavanello – Vescovo di Adria-Rovigo

Vescovo Emerito Lucio

Tu sei qui: Archivio DIocesi